CORONAVIRUS - Tutte le stazioni sciistiche sono aperte, ma il turismo è in ginocchio

25 Febbraio 2020

© Fotografia - (foto archivio)


La diffusione del Coronavirus rischia di mettere in ginocchio il turismo italiano. Nel frattempo però, nonostante la chiusura di palestre e centri sportivi in Lombardia, Veneto e in generale nel Nord Italia, le stazioni sciistiche funzionano regolarmente.

La Fisi ha sospeso ogni gara di sua competenza in tutta Italia ma le seggiovie girano e le piste sono aperte. Ad oggi è anche confermata e con libero accesso al pubblico la tappa di Coppa del mondo di La Thuile, in Valle d'Aosta, come confermato stamattina dal Governatore della Regione Autonoma. In alcune zone, come nelle stazioni sciistiche Friulane e, complice il bel tempo, lo scorso weekend è stato in crescita rispetto allo stesso periodo del 2019.

Anche appuntamenti di aggregazione come Ice Music, il festival musicale che si tiene in una grotta di ghiaccio ai 2580 metri del Passo Paradiso (comprensorio Pontedilegno Tonale) si svolgerà regolarmente (la zona dei concerti è in territorio trentino).

Insomma si scia ovunque ma le previsioni per il settore turismo nel suo complesso sono catastrofiche, come spiega Marina Lalli, Vice Presidente di Federturismo Confindustria.

"Le stime più prudenti prima della diffusione parlavano di una perdita di 5 miliardi di euro - spiega Marina Lalli, Vice Presidente di Federturismo Confindustria - ma adesso ci troviamo nella condizione di non poter più nemmeno stimare l’impatto a causa della drammatica evoluzione in corso. Anche nel caso di una rapida soluzione del problema per il nostro settore la stagione è compromessa: oltre alle migliaia di cancellazioni, si aggiungono le mancate prenotazioni per tutto il secondo semestre 2020, normalmente già a buon punto in questa parte dell’anno. Alla luce di questi recenti sviluppi e a nome di un comparto che rappresenta il 10% del PIL e oltre 4 milioni di lavoratori abbiamo scritto al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte chiedendo lo stato di crisi per il settore del turismo e di attivare tutte le misure di supporto a tutela dei posti di lavoro e della vita stessa delle nostre imprese".

di Redazione DoveSciare.it
25 Febbraio 2020

Articoli promozionali

Sport Hotel Panorama: Ricomincio da qui

Dal resort Trentino di Fai della Paganella, alle porte delle Dolomiti di Brenta,... CONTINUA
L’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone Lusérn una vacanza in libertà!

La natura è il tuo parco avventura L’Alpe Cimbra si trova tra le infinite... CONTINUA
DOVESCIARE. L'app per non perdersi in pista.

Quante volte ti è successo di perdere gli amici mentre scii? Vuoi per una svolt... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Comment

Notizia non veritiera, c’è stato sicuramente un calo delle richieste, ma pubblicare una foto del Grostè con una persona che scia è una esagerazione che fa più male al turismo dello stesso corona virus.

Comment

Io vorrei capire, se a seguito di un eventuale caso in zona sciistica del Tonale, io potrò tornare a casa alla fine della vacanza o se verrò bloccato lì sul posto. Sarebbe un rischio che non mi posso permettere.

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.