Felpe personalizzate e cappellini invernali: per stare caldi, comodi e colorati

23 Settembre 2021


Tra i capi di abbigliamento che non possono mai mancare negli zaini di chi si sposta ci sono sicuramente le felpe. Insieme alle borracce, ai libri e ai caricabatteria per i cellulari le felpe personalizzate sono infatti tra quelle cose di cui non potremmo fare a meno quando facciamo un viaggio, anche breve, o semplicemente andiamo dall’altra parte della città.

Per ogni età e stagione

Nate soprattutto per i giovani ormai le felpe sono usate un po’ da tutti, sia dai bambini che amano quelle colorate, che dagli adulti che le preferiscono per la comodità. Inoltre le felpe possono essere usate in ogni stagione. In estate, magari da legare in vita per poi poggiarla sulle spalle in una serata che si rinfresca, in autunno o primavera quando non fa così freddo da indossare il maglione, o in inverno da mettere sotto il giubbotto.

Il nome dell’Università stampato sul petto

Le più note sono quelle che siamo abituati a vedere nelle serie tv americane, dove tutti i giovani ne indossano una con impresso sul petto il nome dell’università o del college che frequentano: così diffuse che sono diventate anche un simbolo e uno strumento di autofinanziamento per gli istituti. Ma proprio per la loro particolare conformazione si prestano ad essere personalizzate facilmente con una scritta, anche molto grande e visibile, con il nome di una squadra o di una città. Questo le rende un tipo di gadget molto apprezzato da chi lo riceve e che garantisce un’ottima visibilità per l’azienda che intende promuovere il proprio logo o un determinato articolo. Ma soprattutto una felpa personalizzata contribuisce a creare una identità tra le persone che la indossano e si sentono così legate a qualcosa, che sia una scuola, un gruppo o un’associazione.

Le origini e l’evoluzione

L’idea della felpa nacque proprio in America intorno agli anni ’20: il giovane Bennie Russell riuscì a convincere suo padre, che aveva una piccola produzione di capi di abbigliamento, a realizzare un tipo di maglia da football che fosse comoda da indossare e che non irritasse la pelle a contatto con il sudore. In seguito anche la Champion iniziò a produrle, aggiungendo anche il cappuccio, inizialmente non previsto, e contribuendo così a creare quello stile unico e inconfondibile che le ha portate fino ai giorni nostri. Proprio le felpe con il cappuccio sono ora tra i capi d’abbigliamento simbolo dei rapper, dei ballerini di breakdance e in genere degli street artist.

I cappellini invernali

Nelle stagioni fredde insieme alle felpe personalizzate spesso vengono portati anche i cappellini invernali. Un po’ come avviene con le felpe si tratta di capi molto pratici e comodi, che oltre a proteggere dal freddo consentono a chi li indossa di comunicare il proprio stile. Ce ne sono infatti di moderni o retrò, sportivi o casual, sempre personalizzabili con scritte o immagini. Per i più sensibili ai temi ambientali sono disponibili anche dei cappellini invernali realizzati in cotone biologico o in poliestere riciclato, in questo modo l’azienda o l’associazione che li acquista può cogliere l’occasione per dimostrare la sua attenzione alla natura.

Prezzi bassi ma anche prodotti di qualità

Se si intende acquistare delle felpe personalizzate e dei cappellini invernali c’è un’alternativa a visitare il classico negozio ed è quella di visitare il sito Stampasi dove è possibile scegliere tra tantissimi modelli e colori e calcolare il proprio preventivo in base all’articolo scelto e alla quantità che si intende ordinare. I prezzi sono contenuti e non si pagano spese di spedizione, ma le felpe e i cappellini non sono rivolte solo a chi vuole spendere poco. Chi vuole scegliere un gadget che consenta di non rinunciare allo stile anche quando indossa qualcosa di sportivo può infatti optare per modelli di alta qualità realizzati insieme a marchi storici come Fruit of the Loom, Slazenger o Sol’s.

di Redazione DoveSciare.it
23 Settembre 2021

Articoli promozionali

The snow must go on - Skipass torna dal 29 ottobre al 1 novembre

"The snow must go on". Dopo un anno di stop causato dalla pandemia di Covid-1... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.