Pista Birds of Prey, Beaver Creek

Come arrivare

Dal centro di Beaver Creek si prende la cabinovia Centennial Express e poi la seggiovia Cinch

Descrizione

Birds of Prey, uccelli da preda, il nome dice tutto per una delle piste più tecniche ed entusiasmanti del circuito di Coppa del mondo di sci. 

La Birds of Prey è il gioiello del comprensorio sciistico di Vail Beaver Creek, in Colorado, un tracciato che ospita da anni le gare di discesa libera e superG di Coppa del mondo e che nel tratto finale, chiamato Golden Eagle, è invece terreno per gare di gigante e di slalom. 

E' una pista relativamente moderna, visto che nel suo disegno attuale è stata realizzata per i Mondiali di sci alpino del 1999. La firma è dell'ex campione svizzero Bernhard Russi, slope designer che ha messo mano a praticamente tutte le piste moderne per le competizioni di sci. Qui si sono poi corsi anche i Mondiali del 2015 e ogni anno fa tappa la Coppa del mondo. Due i successi azzurri sulla Birds of Prey in discesa (Ghedina nel 1997 e Innerhofer nel 2012) mentre Matteo Marsaglia ha vinto il superG nel 2012, Max Blardone il gigante sempre nel 2012 e Giorgio Rocca lo slalom (che qui si è corso solo 5 volte) nel 2005. Zero medagli per l'Italia, invece, nelle due edizioni dei Mondiali qui disputate. 

La Birds of Prey parte da quota 3483 metri. Ci si aspetterebbe uno scenario in campo aperto invece la pista parte tra gli alberi (la quota della vegetazione degli Stati uniti è molto più elevata che sulle Alpi) e subito un tratto di scorrevolezza lungo 20, 30 secondi praticamente piatto per poi scollinare e una curva a destra immette nella parte del tracciato dove si deve fare la differenza tenendo la velocità tra un curvone l'altro. Una serie di muri e avvallamenti su un tracciato irregolare longitudinalmente caratterizzano questo tratto molto vario e tecnico: in discesa libera sono 8 curvoni supertecnici e veloci dove tenere le traiettorie con i denti. 

Poi la pendenza diminuisce leggermente e inizia una fase dove non si va mai diritti ma dove bisogna fare correre gli sci indovinando le traiettorie. Se non si è perso la gare nelle dure curve precedenti, vinti dalla forza centrifuga, qui la si può perdere sbagliando linea. La pista spiana fino ad arrivare al salto del Golden Eagle, da dove parte la gara di gigante. Qui inizia un altro tratto molto tecnico con compressioni micidiali da gestire per atleti che a questo punto sono già con le energie al lumicino. Un mix di traiettoria, forza e anticipo permette di superare al meglio il serpentone finale che immette nell'ultimo salto che porta al traguardo. 

 

 

Informazioni

Località: Beaver Creek
Quota di arrivo: 2730 m
Quota di partenza: 3483 m
Dislivello: 753 m
Lunghezza: 2790 m
Tipo pista: Coppa del mondo
Livello: Difficili
Innevamento artificiale:

Articoli promozionali

Da non perdere quest'inverno: una giornata sulle piste del Monterosa Ski!

Se non avete ancora sciato sulle piste del Monterosa Ski questa è la stagione g... CONTINUA
Paganella: ski & outdoor, ma anche food e relax per la famiglia

Cioccolata calda o bombardino? Apres-ski o colazione in quota? In Paganella i me... CONTINUA
Alpe Cimbra si scia fino al 15 aprile!

Sarà una lunga stagione di sci sulla skiarea Alpe Cimbra in Trentino. I suoi... CONTINUA
Slow Winter negli agriturismi in Alto Adige

In inverno, la pace pervade gli agriturismi dell’Alto Adige. Quando la neve co... CONTINUA
Sci e benessere allo Sport Hotel Panorama

Benvenuti nelle Dolomiti di Brenta, regalatevi  una vacanza di stile, cocco... CONTINUA
Godetevi esperienze indimenticabili a 3 Zinnen Dolomiten

Cinque montagne, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impianti di ris... CONTINUA
Skipass e noleggio sci online: scopri la comodità

Per tutti gli amanti dello sci e dello snowboard questo è il periodo ideale per... CONTINUA

Video

Cartina

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.