PASSO MENDOLA - Atleti e famiglie, in migliaia per la Ciaspolada

05 Gennaio 2015


La 42ª edizione della Ciaspolada ha due vincitori: Alessandro Rambaldini, bresciano, e Laia Andreu Trias, catalana. Ma a giudicare dal sorriso dei 4.000 partecipanti alla gara, professionisti o amatori, è stata una festa per tutti. Il percorso, attraverso i Campi di Golf al Passo della Mendola, non è stato quello tradizionale, a causa della poca neve che ha costretto gli organizzatori a spostare in quota la partenza. Un tracciato di 3,6 chilometri per le due categorie di partecipanti: atleti e appassionati, tra cui giovani, meno giovani e famiglie. Alcuni con il cane al seguito o con i figli più piccoli in braccio o trainati su slittini, ma non sono mancate anche le maschere e i travestimenti. Numerosi anche i gruppi organizzati: dal Reparto Comando e Supporto Tattici “Tridentina” della caserma “Ottone Huber” di Bolzano ai 54 ragazzi africani e del Bangladesh ospitati presso all'Ostello Madonna della Neve di Castelfondo. Per loro un vero e proprio "battesimo" della neve. Da un punto di vista agonistico il tracciato breve era sicuramente più adatto agli specialisti della corsa in montagna rispetto ai mezzofondisti, di solito a loro agio sul percorso tradizionale ricavato fra Romeno e Fondo. Non a caso si sono imposti due scalatori, come l’atleta bresciano della Amorini, al primo centro in carriera dopo la medaglia di legno del 2014 con il tempo di 13’32”96, e come la runner catalana, già prima nel 2012, seconda nel 2014 e 2013, terza nel 2008, con il tempo di 16’41”82. Al secondo posto troviamo due mostri sacri della Ciaspolada, quali il bellunese Claudio Cassi (Atletica Vittorio Veneto), che è giunto al traguardo con 16 secondi di ritardo, e la regina uscente Isabella Morlini (Team Baldas). La reggiana, vincitrice nel 2013 e 2014, puntava al tris, ma il tracciato non era dei più adatti alle sue caratteristiche e ha accusato 8 secondi di ritardo. I due podi sono stati completati dal meranese Gerd Frick (Amorini), a 26 secondi, e dalla lucchese Annalaura Mugno, al primo podio in questa manifestazione dopo otto partecipazioni, a 41 secondi dalla Trias. Il primo vincitore della Ciaspolada nella categoria junior è invece Roberto Fregona (Astra Quero), 26° assoluto, che ha preceduto Gerardo Rubino (Amorini), 27° al traguardo, e Daniele Stenico (Gabogas). «Da novembre ho iniziato una preparazione specifica per la Ciaspolada - ha dichiarato Rambaldini. L'anno scorso ero arrivato quarto e questa volta volevo conquistare il podio di quella che, per me, è una manifestazione unica nel proprio genere. Il percorso di questa edizione era ideale per le mie caratteristiche, con salita e discesa. Penso che quella di oggi sia la mia più bella gara da quando ho iniziato a correre. Un ricordo che porterò con me per il resto della mia vita»

di Andrea Greco
05 Gennaio 2015

Località di cui si parla nell’articolo:

Passo Mendola - Ruffre'

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta, è innovazione skipass

La pandemia ha segnato il turismo ma non ha fermato la Skiarea Campiglio Dolomit... CONTINUA
SI TORNA IN PISTA A SAN MARTINO

Ad un solo grado di separazione dal Paradiso! La skiarea San Martino – Passo R... CONTINUA
Alpe Cimbra, è tutto pronto per una lunga stagione di sci

Tutto è pronto sulla Skiarea Alpe Cimbra in Trentino per una lunga stagione di ... CONTINUA
Skipass online con Snowit: come evitare assembramenti e code in cassa

L’ultimo anno e mezzo a causa della pandemia è stato un periodo molto diffici... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.