BORMIO - Paris e Innerhofer, la Stelvio è azzurra

28 Dicembre 2018

© Fotografia - Christof Innerhofer e Dominik Paris


Un Dominik Paris straripante si divora la pista Stelvio e vince la discesa libera di Bormio superando l'altrettanto sontuoso Christof Innerhofer, secondo a 36 centesimi. 

L'Italjet orfana del capitano Peter Fill (botta alla schiena ancora da smaltire) non sfigura nella discesa di casa che si è corsa su una Stelvio tirata a lucido, letteralmente: ghiacciatissima e supertecnica, a detta di tutti un tracciato, nelle condizioni odierne, secondo solo alla mitica Streif di Kitzbuehel. 

Interessante vedere la differenza di stile tra i due azzurri che hanno dominato la gara: discesa tutta tecnica e precisione quella di Innerhofer, che ha dimostrato ancora una volta la sua immensa classe; tutta cattiveria e anticipo quella di Paris che si è letteralmente mangiato un tracciato durissimo, da discesisti veri, e ha posto il suo terzo sigillo a Bormio. 

A completare il podio c'è l'elvetico Beat Feuz che nonostante una gara maiuscola nulla ha potuto contro la perfezione quasi raggiunta dai nostri, il suo distacco è stato di 52 centesimi. 

Buona anche la prova di Matteo Marsaglia che entra nella top 20 con il 19 esimo tempo, e discreta quella di Emanuele Buzzi, 23 esimo, proprio davanti a Mattia Casse, 24 esimo. Più lontano è finito il veterano Werner Heel, 37 esimo. 

 "Non direi che ho fatto una gara perfetta, ma nella seconda parte ho mollato gli sci e ho dato il massimo, soprattutto sotto, tirando fuori tutta la mia forza - ha commentato Dominik Paris a fine gara - Il sogno è sempre quello di vincere, soprattutto sui tracciati difficili, voglio dimostrare che sono proprio il mio pane. Rispetto alle prove, la neve non era lucida e c'era un po' più grip. Ma la pista è sempre dura e i punti chiave rimangono sempre quelli".

Un po' di rimpianto per Innerhofer, la cui discesa sembrava proprio poterlo far tornare alla vittoria dopo cinque anni: "Ho fatto una bella gara e sono contento, rispetto a Domme ho sbagliato nella curva prima del Ciuk, sono stato troppo sulla sinistra e non sono stato rapido a cambiare, lì ho perso qualche decimo, ma al di là di questo la mia prova è stata buona".

Entrambi qui hanno già trionfato: "Quando vinsi nel 2008 provai grandi emozioni e così è stato anche oggi. Quest'anno in prova era la Stelvio più difficile di sempre, poi le condizioni sono cambiate tanto e per fortuna anch'io ho cambiato il set-up perché sarebbe stato disastroso gareggiare con lo stesso di ieri. Sono contento del secondo posto, ho avuto buone sensazioni. Il pubblico è grandioso".

E non è finita, appuntaento a domani alle ore 11.30 per il superG che per la prima volta si corre qui a Bormio.

di Redazione DoveSciare.it
28 Dicembre 2018

Località di cui si parla nell’articolo:

Bormio

Articoli promozionali

Alpe Cimbra paradiso dell'outdoor

L’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone e Lusérn in Trentino si trasformano da mag... CONTINUA
Un pezzo di paradiso allo Sport Hotel Panorama

Alle porte delle Dolomiti di Brenta, sull’altopiano della Paganella, un luogo ... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.