Ischgl, così è diventata un focolaio del Cornavirus

18 Marzo 2020

© Fotografia - pixabay -SAmnaun Iscghl


Ischgl è stato un importante focolaio di Coronavirus. Contagiati riconducibli a vacanzieri che erano nella valle di Panzaun, in Tirolo, sono stati riscontrati in Islanda, Danimarca, Svezia, Norvegia eGermania.

Nota per essere la "Ibiza delle Alpi", Ischgl oltre a una ski area davvero notevole è anche luogo noto per l'apres ski e per le attività aggregative, come i grandi concerti di fine stagione che negli anni hanno portato artisti del calibro di Lenny Kravitz, Mariah Carey, Robbie Williams, Muse e il 2 maggio 2020 sarebbe dovuta essere la volta di Eros Ramazzotti.

Oggi la valle è in quarantena è la stazione sciistica stessa consiglia a tutti quelli che sono stati a sciare a Ischgl dal 28 febbraio in poi di rimanere per 14 giorni di auto isolamento.

Ischgl ha una popolazione di 1500 persone che diventano oltre 10.000 durante la stagione sciistica e si è continuato a sciare anche dopo i primi accertamenti di infezione da Covid-19, tanto che ai primi tamponi positivi di fine febbraio ha corrisposto una chiusura di piste e impianti solo il 12 marzo, quando tutto il Tirolo ha deciso che non era il caso di continuare a sciare quando l'Europa intera iniziava seriamente a fare i conti con il Coronavirus.

Già il 29 febbraio infatti in Islanda erano state individuate 15 persone affetta da Coronavirus, alcune di queste venivano da una vacanza a Ischgl e le autorità tirolesi sono subito stato informate. Entro qualche giorno si è potuto constatare che tutti i casi erano riconducibili a persone che erano effettivamente state a Ischgl (e tutte nello stesso albergo) tanto che il 5 marzo il l'Islanda mette tra le aree a rischio Cina, Corea del Sud, Iran, Italia e la zona di Ischgl. Si scoprirà poi che tutte queste persone erano state anche al Kitzhloch, un locale per l'apres ski. Positivo è stato trovato anche un cameriere di questo bar che verrà poi chiuso solo il 9 marzo. Nel frattempo i contagiati riconducibili a Ischgl esplodono: entro il 12 marzo, giorno dell’effettiva decisione di chiusura degli impianti, si scopre che oltre 1000 persone tra danesi, norvegesi e svedesi che erano stati in vacanza a Ischgl sono positivi al Coronavirus.

di Redazione DoveSciare.it
18 Marzo 2020

Località di cui si parla nell’articolo:

Ischgl

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta, è innovazione skipass

La pandemia ha segnato il turismo ma non ha fermato la Skiarea Campiglio Dolomit... CONTINUA
SI TORNA IN PISTA A SAN MARTINO

Ad un solo grado di separazione dal Paradiso! La skiarea San Martino – Passo R... CONTINUA
Alpe Cimbra, è tutto pronto per una lunga stagione di sci

Tutto è pronto sulla Skiarea Alpe Cimbra in Trentino per una lunga stagione di ... CONTINUA
Skipass online con Snowit: come evitare assembramenti e code in cassa

L’ultimo anno e mezzo a causa della pandemia è stato un periodo molto diffici... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.