PRATO NEVOSO - Oliva: Il Governo sbaglia, la montagna è sicura: apriamo per gli sci club

02 Dicembre 2020


Prato Nevoso apre i suoi impianti per atleti e sci club. Appena le condizioni lo permetteranno alcune piste della ski area inaugureranno la stagione invernale 2020/2021, anche se saranno utilizzabili solo da chi si deve allenare.

“Abbiamo optato per una scelta in linea con i limiti imposti dall’ormai prossimo Dpcm che consentirebbe di aprire le piste e gli impianti per gli atleti e gli sci club - spiega Gian Luca Oliva, ad della Prato Nevoso spa - Per noi si tratta di un segnale di ottimismo in un momento così difficile per tutto il Paese. Non ci preme solo ribadire le ragioni economiche di un comparto, che pure muove un miliardo di euro solo in Piemonte, ma sottolineare il bisogno di un’economia intera che vuole ripartire. Nel modo migliore: dallo sport, dando la possibilità a chi fa agonismo di potersi allenare sulle nostre piste”.

Oliva torna poi sui fatti recenti di cronaca, con l'ennesima proposta delle regioni per un'apertura in sicurezza ancora una volta bocciata dal Governo.

“Una scelta assolutamente sbagliata quella del governo di non venire incontro alle stazioni sciistiche permettendo almeno l'accesso agli impianti ai possessori di casa o chi dormiva in hotel. La montagna è uno dei posti più sicuri che ci siano in questo momento dove poter vivere giornate in spensieratezza ma nello stesso tempo massima sicurezza. Rispettando le dovute regole infatti, le aperture, per chi possiede le case o affitta l’albergo, avrebbero dato una boccata di ossigeno alle stazioni sciistiche, a tutti i commercianti, a tutto quel mondo che ruota intorno ad essa e non avrebbero penalizzato totalmente l'economia di interi territori. Ci auguriamo che i nostri clienti percepiscano l’immenso sacrificio che stiamo per intraprendere. Abbiamo deciso di continuare a tenere accesi i riflettori sullo sci, garantendo un servizio fondamentale per chi fa agonismo, e facendo leva solo sul senso del dovere e di appartenenza a un intero territorio. Per dire a tutti che ci siamo, restiamo un presidio, nell’attesa che arrivi al più presto il momento giusto per ritrovarci tutti insieme sulle nostre piste. In mezzo alla natura e in un contesto incontaminato con tutte le dovute precauzioni".

Nonostante questa apertura possa essere difficilmente sostenibile dal punto di vista economico, Prato Nevoso vuole lanciare un segnale concreto, guardare al futuro e permettere agli agonisti di allenarsi.

SEGUI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU TELEGRAM

di Redazione DoveSciare.it
02 Dicembre 2020

Località di cui si parla nell’articolo:

Prato NevosoMondole Ski

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Inverno negli agriturismi in Alto Adige: non solo sci

Volete conoscere l'inverno dei vostri sogni in Alto Adige, lontano dai soliti se... CONTINUA
Nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta, è innovazione skipass

La pandemia ha segnato il turismo ma non ha fermato la Skiarea Campiglio Dolomit... CONTINUA
SI TORNA IN PISTA A SAN MARTINO

Ad un solo grado di separazione dal Paradiso! La skiarea San Martino – Passo R... CONTINUA
Alpe Cimbra, è tutto pronto per una lunga stagione di sci

Tutto è pronto sulla Skiarea Alpe Cimbra in Trentino per una lunga stagione di ... CONTINUA
Skipass online con Snowit: come evitare assembramenti e code in cassa

L’ultimo anno e mezzo a causa della pandemia è stato un periodo molto diffici... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Comment

Purtroppo la decisione di chiudere gli impianti sciistici è figlia dell'irresponsabilita di noi italiani, non è certamente il praticare lo sci che può essere pericoloso ma tutto il contorno, consumazioni nei rifugi, ristoranti e pub nel dopo sci, trasporti, ecc. ecc. i gestori dei locali non sono in grado di obbligare i clienti a fare la coda o di dividere compagnie di amici in vacanza, perciò perché rischiare? È meglio non indurre in tentazione.

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.