Scialpinisti e scitassisti in pista

11 Febbraio 2021


Ricordate quando all'inizio della pandemia si parlava di chi, non potendo usare gli impianti, risaliva le montagne con lo skibus, con il taxi o con le motoslitte pur di sciare? Noi ne abbiamo parlato qui. La faccenda suscitò all'epoca un giusto scalpore che però si perse tra le polemiche su impianti aperti e impianti chiusi, la capienza delle seggiovie, l'Alto Adige che teneva aperto e quelli che volevano andare in montagna solo a fare sci di fondo, oltre ai ristori per gli impiantisti...

Non escludiamo che tra Natale e la fine di gennaio possa essere successo di nuovo ma oggi, complici le abbondanti nevicate naturali e l'esplosione della moda dello scialpinismo, la faccenda pare stia sfuggendo di mano ai protagonisti. Sono chiusi gli impianti ma non sono chuse le piste, anche se dovrebbero. Facciamo chiarezza: non c'è bisogno di virgolettare le parole degli NCC (un paio di loro ci hanno parlato al telefono ma non vogliono rilasciare dichiarazioni ufficiali) per essere sicuri che nè il tassista né l'albergatore siano colpevoli di alcunché accompagnando i turisti in cima: un trasporto è un trasporto.

La realtà è che legalmente le piste da sci sono interdette all'accesso degli sciatori, anche se in realtà sono frequentatissime proprio dagli scialpinisti che salgono a bordo pista o in fuoripista ma poi scendono in pista, dove la neve è stata battuta di recente. Quest'inverno il successo di questo sport, anche tra i principianti, è dipeso proprio dal fatto di poter scendere su discese semplici, più o meno battute e non in mezzo metro di neve fresca. Capita spesso quindi che i rifugisti, che tengono aperto a pranzo nel pieno rispetto delle regole anti-Covid, siano in contrasto con gli impiantisti: i primi ospitano gli scialpinisti che sono saliti dal fondo valle mentre i secondi cercano di dissuadere con ogni mezzo i medesimi dal salire lungo le stesse piste, di cui effettivamente detengono le concessioni e che sarebbero ufficialmente chiuse.

Lo stesso turista bergamasco che aveva preso il taxi per sciare da Trepalle a Livigno ha ammesso di aver pericolosamente incrociato dei gatti delle nevi durante la sua discesa. Ad ogni buon modo, che le piste da sci oggi siano frequentatissime dagli scialpinisti sia in salita che in discesa corrisponde alla realtà dei fatti. E che alcuni sciatori prendano un taxi o uno skibus per farsi una discesa in pista è (probabilmente) altrettanto vero.

di Enrico Corno
11 Febbraio 2021

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Inverno negli agriturismi in Alto Adige: non solo sci

Volete conoscere l'inverno dei vostri sogni in Alto Adige, lontano dai soliti se... CONTINUA
Nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta, è innovazione skipass

La pandemia ha segnato il turismo ma non ha fermato la Skiarea Campiglio Dolomit... CONTINUA
SI TORNA IN PISTA A SAN MARTINO

Ad un solo grado di separazione dal Paradiso! La skiarea San Martino – Passo R... CONTINUA
Alpe Cimbra, è tutto pronto per una lunga stagione di sci

Tutto è pronto sulla Skiarea Alpe Cimbra in Trentino per una lunga stagione di ... CONTINUA
Skipass online con Snowit: come evitare assembramenti e code in cassa

L’ultimo anno e mezzo a causa della pandemia è stato un periodo molto diffici... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.