Brignone: "Vincere è sempre un'emozione. Le Olimpiadi? Prima la Erta e Cortina"

16 Gennaio 2022

Federica Brignone ha vinto la sua 18 esima gara in Coppa del Mondo trionfando del superG di Altenmarkt Zauchensee. Per l'azzurra è la seconda vittoria in stagione, sempre in superG, specialità in cui complice anche le due vittorie di Goggia, l'Italia ha conquistato addirittura 4 gare su 5 disputate.

“Sono felicissima, davvero soddisfatta... - ha spiegato Brignone a fine gara - In carriera ho vinto tanto, ma è sempre un’emozione diversa. Oggi era difficile mettere tutti i pezzi del puzzle assieme, perché tante atlete hanno sciato forte ma alla fine è stato difficile fare una prova completa; tanti hanno sbagliato sopra oppure nella parte bassa".

Brignone ha fatto la differenza, come suo suo solito, rasentando la perfezione nei tratti più tecnici, nessuna è riuscita a tenere le sue linee.

"Era un superg molto veloce anche se non era facilissimo spingere tutte le curve. Nella parte bassa bisognava quasi sciare come in un gigante: è stato veramente bello mi sono divertita molto. Mettere insieme tutto era molto difficile, forse le più regolari siamo state io e Corinne, e infatti il nostro tempo è veramente vicino. Penso di aver fatto la differenza a metà del tracciato, come nella prova di discesa; sono tre giorni che azzecco sempre quel punto e penso di aver fatto la differenza lì. Sono veramente grata, ho attaccato dall’alto al basso riuscendo a mettere tutto assieme. Stamattina non stavo benissimo, ringrazio i dottori ed i fisioterapisti che mi hanno aiutato".

Federica è anche tornata su alcune sue insicurezze. Quando riesce a batterle e ad essere sicura dei suoi mezzi i risultati arrivano sempre.

"Non sono una persona sicura a prescindere: ho bisogno di sciare bene, delle mie sicurezze di avere delle conferme continue. Quest’anno sono più tranquilla e oggi sono arrivata dopo dieci giorni a casa. Tutti dovrebbero prendersi un po’ di pausa, soprattutto chi fa tante discipline, e questo mi ha permesso di essere qui carica dove normalmente sarei stata tesa per la mancanza di allenamento. Ho sciato bene già dalla prima prova, conquistando consapevolezza per la gara di oggi. Sicuramente ho nel mirino le Olimpiadi, sono ancora però distanti perché prima ci saranno le tappe italiane, la Erta e Cortina, che sono molto importanti quindi il focus deve essere quello, cercando di arrivare ai giochi Olimpici con più fiducia possibile, con più risultati utili possibili”.

TUTTE LE NEWS DI AGONISMO SU TELEGRAM

di Redazione DoveSciare.it
16 Gennaio 2022

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.