Architetture alpine contemporanee


Anche nelle stazioni sciistiche più anonime e ‘brutte’ c’è sempre qualcosa da scoprire e da apprezzare. E a volte quello che pensate sia un ecomostro, magari è un’opera architettonica che sta sui manuali specializzati. Perfino il tristemente famoso ‘rudere’ di Cervinia, in realtà è un bel pezzo di architettura, e sempre a Cervinia si nasconde la ‘Casa del sole’ di Carlo Mollino. E che dire delle torri a rampa elicoidale e a pianta cilindrica degli alberghi Monte Sises Torre e Duchi d’Aosta di Sestriere (progetto di Bonadè Bottino), o degli chalet di Megéve: sono delle icone, che possono piacere o non piacere. Ma sono un po’ ovunque i gioiellini nascosti, come lo chalet di Carlo Mollino, ancora lui, architetto visionario degli anni 30-40, a Sportinia e Sauze d’Oulx. E ora lo stile alpino contemporaneo, che in Austria e Alto Adige (basta pensare solo al Vigilius Resort di Matteo Thun, sopra Lana, che fece da apripista già diversi anni fa, e a decine di altri esempi di case private, aziende, edifici civili e hotel) ha preso piede e fatto scuola: ora sono molti gli esempi felici su tutte le Alpi, dal Gradonna Resort a Kals am Grossglockner all'hotel Pupp a Bressanone, fino al Design Hotel Bergland di Soelden....

Per chi volesse approfondire l’argomento c’è un bel libro della Priuli e Verlucca (2013), “Architettura alpina contemporanea”, di Roberto Dini e Antonio De Rossi. Un viaggio attraverso le Alpi italiane, francesi, svizzere, austriache e slovene, alla scoperta dei più importanti progetti di architettura alpina degli ultimi 25 anni. Sono più di 200 edifici presentati e illustrati: dai grandi interpreti dell’architettura contemporanea in montagna – Peter Zumthor, Gion A. Caminada,Bearth & Deplazes, Valerio Olgiati, Hermann Kaufmann, Jürg Conzett, Cino Zucchi, Gabetti & Isola –, fino alle molte realizzazioni di qualità di tanti progettisti locali. Nel saggio introduttivo viene poi inquadrata la recente produzione architettonica montana in rapporto alle trasformazioni economiche e culturali delle Alpi di oggi e alla storia dell’architettura alpina dell’Ottocento e del Novecento.



Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.