ROCCARASO - Funivia Castel di Sangro Aremogna, approvato il progetto preliminare

01 Ottobre 2012


Una nuova funivia che colleghi la ss 17 Sant'Ilario e la skiarea dell'Aremogna, creando un nuovo punto di arroccamento per il comprensorio sciistico piu' grande dell'appennino, ovvero quello di Roccaraso Rivisondoli.  Il Comune di Castel Di Sangro ha approvato nei giorni scorsi il progetto preliminare per l'impianto che sarebbe in parte finanziato con i fondi Fas, per una cifra di circa 26 milioni di euro. a beneficiare dell'impianto sarebbero direttamente i comuni di Alfedena, Scontrone, Ateleta, Campo di Giove, Barrea, Villetta Barrea, Pescasseroli, Opi. L'opera, oltre a potenziare e facilitare l'accesso al comprensorio sciistico abbattrrebbe, almeno nelle intenzioni di chi spinge il progetto, il traffico veicolare in zona portando anche a grossi risparmi in termine di infrastrutture e strade.

di Andrea Greco
01 Ottobre 2012

Località di cui si parla nell’articolo:

RoccarasoPescasseroli

Articoli promozionali

SCIARE CON GUSTO A SAN MARTINO DI CASTROZZA

La neve, soffice e bianchissima, ricopre le Pale di San Martino facendone risalt... CONTINUA
Digital Transformation e turismo invernale: la grande sfida di Snowit

Gli operatori del turismo e dello sport invernale sono stati sempre restii a un ... CONTINUA
Madonna di Campiglio, sci e outdoor nel cuore delle Dolomiti di Brenta

Madonna di Campiglio, adagiata ai piedi delle pareti dolomitiche del Gruppo del ... CONTINUA
CheckYeti: Trovare la migliore scuola di sci non è mai stato così facile

Le lunghe code davanti all'ufficio della scuola di sci e i corsi di sci al compl... CONTINUA
IN PAGANELLA DIVERTIRSI È UNA COSA SERIA!

Con 50 chilometri di piste, 1.100 metri di dislivello e l'autostrada del Brenner... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Inviato da Max il 3 Ottobre 2012
Comment

Mi sembra ovvio che quando vengono costruiti nuovi impianti o sostituiti gli stessi sulla medesima linea la skiarea ci guadagna. Chi nn si rinnova tende poi ad iniziare un inarrestabile declino (vedi Macugnaga). Mi sembra strano che qualcuno non lo capisca

In risposta a:

Inviato da Anonymous il 2 Ottobre 2012
Comment

I Giornalisti sono quelli che verificano prima di scrivere e Nn si limitano a trascrivere il dettato, prima cosa gli impianti sono tre, poi Nn vedo di cosa possano beneficiare i comuni citati di un impianto che si e no fa risparmiare 5 min di strada rispetto alla partenza degli impianti già esistenti.esempio chi verrà da pescasseroli invece di un'ora e 5 min. Impiegherà solo un'ora per venire a sciare!!!!

Inviato da Supermario il 2 Ottobre 2012
Comment

Se la tua critica è vera, ci sarebbe da prendersela forse più coi politici, che i soldi pubblici li hanno speso più che con i giornalisti. Poi sarebbe un grande aiuto per il turismo locale, e i comuni citati ne potrebbero ottenere gran vantaggio. Con solo un impianto. Poi se vogliamo fare un bilancio sul fatto che se questi 26 milioni potrebbero essere usati per altri fini come la ricerca è un altro discorso.

Inviato da Anonymous il 2 Ottobre 2012
Comment

Sig. giornalaio, sarebbe difficile definirla diversamente,ma ci spiega i comuni di Alfedena, Scontrone, Ateleta, Campo di Giove, Barrea, Villetta Barrea, Pescasseroli, Opi che genere di benefici avrebbero? e quali sarebbero i risparmi in termini di infrastrutture e strade? ma che articoli scrivete!!!!!!!

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.