PIANO BATTAGLIA - Si va verso una stagione senza sci

15 Ottobre 2020

© Fotografia - Wikicommons - Piano Battaglia


Il 2016 doveva essere l'anno del grande rilancio di Piano Battaglia, ski area siciliana sulle Madonie. Dopo anni di abbandono infatti la ski area era stata ristrutturata con una nuova seggiovia e uno skilift pronti ad ospitare gli sciatori (qui un video sui nuovi impianti).

In realtà in questi anni la ski area non ha funzionato come e quanto si era sperato e per il prossimo inverno lo sci sembra un miraggio, visto che la società Piano Battaglia Srl, che gestisce il comprensorio di proprietà della Citta Metropolitana di Palermo vuole gettare la spugna.

Ecco quanto si legge in un post sulla pagina Facebook ufficiale di Piano Battaglia srl:

"In merito alla nota diramata dalla Direzione Edilizia e Beni Culturali della Città Metropolitana di Palermo, sollecitati da rappresentanti delle Istituzioni, associazioni, molti cittadini ed utenti, corre l’obbligo di precisare che - preso atto delle sopravvenute difficoltà finanziarie della Città Metropolitana di Palermo (che, pur gestendo un bilancio da 150 milioni di Euro, non riesce a trovare risorse sufficienti per assolvere all’onere di gestione delle piste da discesa, assunto nei confronti della Regione Siciliana) - è stata la Piano Battaglia srl a garantire per tre anni con proprie risorse finanziarie l’operatività della stazione sciistica. Atteso che, altrimenti, tale operatività non si sarebbe avviata del tutto. Contrariamente a quanto riportato, il parere dell’ANAC non indica in alcun modo la strada della procedura aperta, meno che meno inderogabilmente. Afferma invece che è possibile procedere all’affidamento delle piste alla Piano Battaglia srl, modificando il contratto senza una nuova procedura di aggiudicazione, come è noto, ai sensi dell’art. 175 del Codice degli Appalti. In ogni caso, pur procedendo come la Città Metropolitana ha ritenuto, già dal dicembre del 2019 ci è stato impedito di aprire gli impianti di risalita, nonostante le ingenti e costose attività tecniche e burocratiche di legge poste in essere dall’ottobre 2019 al fine di assicurare e garantire il perfetto funzionamento degli impianti. Per evitare il protrarsi della interruzione della gestione, abbiamo già espresso, nel corpo del ricorso al TAR cui si fa cenno, la nostra disponibilità ad un accordo bonario per riconsegnare immediatamente gli impianti di risalita, perché la Pubblica Amministrazione ne faccia l’uso che ritiene".

Quella di Piano Battaglia, anziché essere una meravigliosa storia di rinascita di una stazione sciistica e montana si sta trasformando in un storia di battaglie burocratiche, ben sintetizzate in questo articolo di madoniepress.it. E intanto, con ogni probabilità, quest'anno niente sci.

di Redazione DoveSciare.it
15 Ottobre 2020

Località di cui si parla nell’articolo:

Piano Battaglia

Articoli promozionali

Godetevi esperienze indimenticabili a 3 Cime Dolomiti

Cinque montagne, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impianti di ris... CONTINUA
Polartec e Houdini, il fleece open-source contro lo spreco di plastica

Il nuovo fleece di Houdini diventa open-source per aiutare i designer a combatte... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.