BREUIL CERVINIA - 80 anni fa la prima funivia, breve storia della ski area

29 Agosto 2016


80 anni fa veniva costruita la prima funivia di Cervinia. A realizzare l'impianto che univa Breuil a Plain Maison era stata la Società Cervino, fondata nel 1934, due anni prima della costruzione del primo impianto di risalita che ha dato il "la" alla nascita di una delle località turistiche più famose e rinomate al mondo. 
 
Ma la storia di Breuil - terra di molte acque in Patois - risale a molti anni prima, quando per raggiungere questa zona, ricca di laghi e fiumi in estate e di candida neve in inverno, servivano un paio di giorni da Chatillon a piedi o a dorso di mulo.
 
Quando fu costruita la prima funivia a Breuil c'erano giusto una Chiesetta, un bar, due alberghi e qualche casa privata. Da quel giorno Cervinia è diventata una maxi stazione sciistica e turistica, facilmente raggiungibile da tutte le città del nord ovest e con uno sviluppo urbano florido e sotto alcuni punti di vista anche eccessivo. Sciare con neve sempre perfetta sulle lunghe piste che scendono verso Breuil o sul ghiacciaio del Plateau Rosà è un'emozione appagante per qualsiasi sciatore e questa stazione turistica rimane, anche dopo 80 anni, un punto di riferimento per il nostro turismo montano. 
 
 
BREVE STORIA DI CERVINIA
 
 
La decisione di costruire la funivia che avrebbe destagionalizzato il turismo di Cervinia aprendo anche alla pratica dello sci alpino (movimento che nasceva proprio in quegli anni) è stata presa il 25 aprile 1934, quando fu fondata la "Società Anonima Cervino" ad opera di imprenditori piemontesi  tra cui gli Ingegneri Dino e Aldo Lora Totino e il Commendatore Trabaldo Togna, biellesi e industriali del filato.
 
Il 2 agosto del 1936 la funivia che univa Cervinia a Plan Maison (1936) veniva inaugurata e tre anni dopo, nel 1939, fu aggiunto un secondo impianto, la funivia che portava fino a Plateau Rosà, raggiungendo quota 3.480 metri. Nel primo dopoguerra fu la volta dei primi skilift in paese, poi nel 1952, un altro impianto ardito: la funivia Plain Maison Furgenn, con la sua leggendaria pista oggi non più praticabile perché l'impianto non esiste più (ha funzionato fino al 1993) e non è più stato ricostruito. La funivia del Furggen sarebbe dovuta essere il primo passo per un impianto ancora più estremo: una funivia per raggiungere la cima del Cervino, impianto tuttavia mai realizzato per difficoltà tecniche, costi eccessivi e l'opposizione degli ambientalisti.
 
 
Nel 1961 si arrivò al raddoppio della linea Plan Maison - Cime Bianche - Plateau Rosà, nel 1965 fu costruita una seconda funivia per collegare Cervinia con Plan Maison.
Negli anni '70 vennero poi realizzate le seggiovie Cielo Alto e Lago Blu con le relative piste che ampliarono il demanio sciabile di Cervinia. Sulla pista Cielo Alto si correva ai tempi la Coppa del mondo di sci.
 
Un altro anno storico per il comprensorio sciistico di Cervinia è il 1982, quando fu realizzato il collegamento con Valtournenche attraverso lo skilift Gran Sometta. Pochi anni dopo la funivia "Breuil-Plan Maison 1" fu sostituita dall'attuale cabinovia.
 
1991 venne inaugurata la nuova linea di collegamento con Plateau Rosà, grazie alla funivia da 140 posti con partenza da Cime Bianche Laghi.
 
Nel 1995 lo skilift Bontadini fu sostituito con una seggiovia e, entro il 1998, erano state già costruite le seggiovie Fornet e Plan Maison che rimpiazzavano vecchie sciovie.
 
Nel 1998 fu realizzata la telecabina a 12 posti Plan Maison - Cime Bianche Laghi  e la seggiovia Goillet, tutt'ora funzionante (zona Ventina - Cime Bianche).  
 
Nel 2006, vennero costruite le seggiovie, Cretaz e Campetto, nel 2009, la seggiovia a sei posti Pancheron, primo impianto realizzato dalla gesione attuale Cervino Spa che nel 2012 acquisì anche gli impianti di Valtournence e nel 2013 quelli di Torgnon e Chamois creando il comprensorio Valle del Cervino.

di Andrea Greco
29 Agosto 2016

Località di cui si parla nell’articolo:

Breuil CerviniaValtournencheTorgnonChamois

Articoli promozionali

Alpe Cimbra paradiso dell'outdoor

L’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone e Lusérn in Trentino si trasformano da mag... CONTINUA
Un pezzo di paradiso allo Sport Hotel Panorama

Alle porte delle Dolomiti di Brenta, sull’altopiano della Paganella, un luogo ... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.