Obergurgl: il futuro è qui, a 3000 metri


Ormai sembra ineluttabile: a causa del climate change, lo sci si sposterà fra i 2000 e i 3000 metri. Ecco che le stazioni emergenti, da tenere d’occhio come protagoniste della grande industria turistica del terzo decennio, sono quelle comprese fra le due fatidiche quote. Con (relativamente) pochi impianti e molte piste. Lunghe. Per tutto l’inverno, e non solo come fino ad ora per lo sci di fine o inizio stagione. Obergurgl, con il suo piano alto Hochgurgl, ne è la quintessenza. Negli ultimi 50 anni qui le precipitazioni nevose da record (anche 12 o 13 metri, record austriaco) non sono mai calate.

Ho avuto recentemente la fortuna di studiarne bene tutte le piste. Pura libidine: questa è una grande rivelazione! Siamo in Austria, Tirolo, al di là del confine italiano del Passo del Rombo (in ‘cima’ alla Val Passiria, sopra Merano), ma da ottobre a giugno questa familiare vicinanza è irrilevante perché il valico, uno dei più alti d’Europa, è sommerso da metri di neve. In realtà si trova poco a monte della famosa Soelden, in Oetztal, tanto che esiste un superskipass plurigiornaliero comune. E quindi il giro per arrivarci è relativamente lungo (ma veloce: strade perfette), via Brennero e Innsbruck. Ma ne vale la pena. Il comprensorio dichiara 112 km di piste, 25 impianti con portata oraria totale ‘pazzesca’ di 42.000 persone, con 6 direttrici di arroccamento in cabinovie ad alta portata… Mica male per una presunta carneade fra le stazioni sciistiche! Sostanzialmente non ci sono piste ‘brutte’: parliamo di ‘botte’ di dislivelli continui fra i 500 e i 1000 e metri in campo aperto, con una straordinaria varietà di cambi, mammelloni, panettoni, muri… e diversi percorsi freeride serviti da impianti.La quota è compresa tra i 1930 m del villaggio di Obergurgl e i 3082 m del Wurmkogel dove, proprio in vetta, la terrazza circolare del ristorante Top Mountain Star (vedi foto nella gallery), permette una fantastica vista a 360°. Altra caratteristica saliente del comprensorio è lo ski in-ski out in buona parte degli hotel di Obergurgl e Hochgurgl, ctra cui 2 resort a 5 stelle e 23 a quattro stelle .

Quasi impossibile citare il meglio. Un solo consiglio fra i tanti: la pista rossa 1 dalla Hohe Mut Alm, da 2670 metri, con il suo proseguimento n. 5 fino a poco a valle di Obergurgl: come spesso succede ai ‘margini’ del comprensorio si trovano piste interessanti e meno frequentate.

Un altro fiore all’occhiello è il collegamento Top Express fra Obergurgl e Hochgurgl, cioè una cabinovia ‘trasversale’ della Leitner sospesa su due valloni paralleli.

Nel piano superiore di Hochgurgl, ai piedi del Rombo, pochi anni fa è stato inaugurato il Top Mountain Cross Point, a 2175 m. Un progetto di architettura d’effetto che ingloba il casello del pedaggio della strada del Rombo, una stazione a valle della cabinovia da 10 posti Kirchenkarbahn, un ristorante e il Museo del motociclismo, che su 3000 mq espone pezzi particolari ma soprattutto offre esperienze (il passo del Rombo d’estate è infatti una route preferita dei bikers di tutta Europa).

 



Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.