ALTA PUSTERIA - Fatturato in crescita del 45% dopo il collegamento. E per il futuro...

17 Maggio 2016


ALTA PUSTERIA. Si è rivelata una scelta vincente quella di collegare due anni fa i due comprensori, prima separati, della Croda Rossa e del Monte Elmo. Il fatturato, in soli due anni, è infatti cresciuto del 45%. Positivi anche i numeri della stagione invernale appena terminata, con un aumento dei pernottamenti del 12% e del fatturato del 9%. Si tratta dell'ennesima conferma che i comprensori di medie e grandi dimensioni sono molto più appetibili per gli sciatori che vogliono poter cambiare piste tutti i giorni.

Alla luce di questi ottimi risultati, la società vorrebbe ora fare il grande salto per arrivare ad avere un comprensorio sciistico di ben 140 km che diventerebbe particolarmente appetibile sia in Italia che all'estero. Ecco allora nei piani della società che il collegamento con Padola (verso il Veneto) e con Sillian (Austria) acquista un ruolo chiave. In particolare verso Padola l'iter autorizzativo sarebbe in fase avanzata con due nuove telecabine entrambe con piste che andrebbero ad unire l'attuale comprensorio dell'Alta Pusteria (lato Croda Rossa) con gli impianti esistenti veneti.

Il piano di espansione verso l'Austria prevede invece un solo nuovo impianto sul versante italiano nella zona del Monte Elmo e due nuovi impianti sul versante austriaco che, partendo dal fondovalle, unirebbero anche il comprensorio sciistico esistente di Sillian.

SCARICA IL PROGETTO

Per quanto riguarda gli aspetti prettamente societari va detto che la società Sextener Dolomiten ha deciso, per motivi di marketing, di cambiare nome, diventando Tre Cime, scegliendo quindi un nome più riconoscibile e più adatto alle esigenze di una società che vuole crescere e farsi conoscere anche lontano. Confermato il presidente Franz Senfter, così come i consiglieri Kurt Holzer, Walter Holzer e Alfred Prenn, referente marketing per il turismo di Sesto. Entrano nel consiglio di amministrazione anche Simone Wasserer (vicesindaco di San Candido), e Dieter Wurmböck, presidente delle associazioni turistiche dell’Alta Pusteria e di San Candido.

di Andrea Greco
17 Maggio 2016

Articoli promozionali

SCIARE CON GUSTO A SAN MARTINO DI CASTROZZA

La neve, soffice e bianchissima, ricopre le Pale di San Martino facendone risalt... CONTINUA
Digital Transformation e turismo invernale: la grande sfida di Snowit

Gli operatori del turismo e dello sport invernale sono stati sempre restii a un ... CONTINUA
Madonna di Campiglio, sci e outdoor nel cuore delle Dolomiti di Brenta

Madonna di Campiglio, adagiata ai piedi delle pareti dolomitiche del Gruppo del ... CONTINUA
CheckYeti: Trovare la migliore scuola di sci non è mai stato così facile

Le lunghe code davanti all'ufficio della scuola di sci e i corsi di sci al compl... CONTINUA
IN PAGANELLA DIVERTIRSI È UNA COSA SERIA!

Con 50 chilometri di piste, 1.100 metri di dislivello e l'autostrada del Brenner... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.