Un romantico San Valentino sulle piste di Pila

14 Febbraio 2006

Se per voi San Valentino è molto di più di un cuore trafitto da una freccia, se non volete affidare il vostro sentimento alle frasi fatte dei cioccolatini alla nocciola, se credete nell’atmosfera e volete passare qualche giorno serenamente con chi amate, allora dovete venire a Pila, la stazione sciistica sopra Aosta. Troverete un ambiente di alta montagna, sarete circondati dalle cime più maestose delle Alpi, avrete piste sempre ben fresate e curate, ambienti caldi e accoglienti, ma soprattutto tante occasioni romantiche per stare insieme. Potrete godervi la serata andando a cena nei locali dislocati ai bordi delle piste da sci di Pila. Si tratta di costruzioni tipiche o di vecchie baite ristrutturate Propongono tutti menù provenienti dalla tradizione valdostana. Si possono gustare abbinamenti insoliti come le castagne con il delicato lardo di Arnad oppure, fra i salumi la mocetta (la carne salata e essiccata nei fienili) abbinata a miele e pane nero. Mentre nei primi piatti sono le zuppe a farla da padrone: è offerta la classica Valpellinentze (verze e fontina), la Seuppa de Vercuinno (a base di spinaci selvatici) o la Zuppa dell’Alpeggio (orzo brillato cotto nel vino rosso). Ogni locale ha la sua specialità. Alla «Châtelaine», situato ai bordi dell’omonima pista, si può degustare la Tarte aux pommes con la fiocca (torta di mele della bassa valle con panna fresca montata a mano al momento). Invece a «Lo Baoutson» (partenza della sciovia Coius 2) prevalgono i piatti cucinati direttamente al tavolo come la Braserade, minuscole fettine di carne cotte sul braciere, o la più classica raclettes (formaggio fuso alla brace e steso su un letto di patate lesse). Il «Rifugio Chamolé», all’arrivo della seggiovia, si distingue, si distingue per la Sorsa (stufato di verdure con salamelle) e la Favò (un zuppa di fave, pasta, pane, burro fuso e fontina), mentre il piatto forte dello Chalet du Soleil è la Zuppa di porcini in crosta. Alla partenza della seggiovia della Nouva si trova l’«Hermitage», dove servono la Vianda di djablo (la carne del diavolo), macerata in una salamoia di vino rosso, cipolla, ginepro e aromi, presentata a fettine sottili come un carpaccio. In ogni ristorante sono le vecchie ricette valdostane, cucinate come vuole la tradizione, ad essere proposte in ambienti confortevoli e caratteristici. La serata inizia con una corsa in motoslitta e, dopo la cena, si può concludere con una discesa nella notte con gli sci sotto i raggi della luna, oppure si può scegliere di fare una passeggiata con le fiaccole, o la motoslitta come all’andata. Per una serata memorabile le ricette sono molte, ma la più classica è sempre la stessa: la persona che vi sta a cuore, un po’ d’atmosfera e il fascino delle montagne rischiarate dalla luna piena.

di Andrea Greco
14 Febbraio 2006

Località di cui si parla nell’articolo:

Pila

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Val Senales, la tua avventura invernale circondato da 126 cime di 3000 metri

Da settembre a maggio, l’Alpin Arena Senales è teatro di esclusive esperienze... CONTINUA
Nell’abbraccio dell’inverno col “Gallo Rosso”

Sul sito www.gallorosso.it è possibile scegliere gli agriturismi “Gallo Rosso... CONTINUA
Come risparmiare acquistando lo skipass

Quante volte ti è capitato di voler andare a sciare, ma il tuo primo pensiero e... CONTINUA
CheckYeti: Trovare la migliore scuola di sci non è mai stato così facile

Le lunghe code davanti all'ufficio della scuola di sci e i corsi di sci al compl... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.