SCI e COVID - Il Cts finalmente ha parlato, servono correzioni al piano per gli impianti a fune

26 Dicembre 2020


 

La vigilia di Natale il Comitato Tecnico Scientifico ha finalmente dato un parere circa il protocollo per l'apertura degli impianti. Parere che non è di accettazione, ma nemmeno di bocciatura come riportano alcuni titoli che si leggono in queste ore. Servono tuttavia correzioni che saranno verosimilmente discusse in un prossimo incontro tra Regioni e associazioni di categoria.

L'apertura degli impianti tuttavia, come aveva spiegato Valeria Ghezzi, presidente di Anef, non potrà verosimilmente essere per il 7 gennaio. Sembrano esserci tuttavia i presupposti per cercare di far partire la stagione sciistica nella seconda metà del mese di gennaio. Certo, se le aperture dovessero slittare ancora più avanti, a febbraio per esempio, per molti gestori potrebbe non essere più conveniente aprire.

Secondo Roberto Formento, presidente di Federfuni, sarebbe addirittura possibile riuscire ad aprire anche prima:

"Il Cts ha espresso un parere con richiesta di chiarimenti e non ha bocciato le linee guida - spiega Formento in una nota sulla sua pagina Facebook - Sono oltretutto rilievi che potrebbero non essere clamorosamente in contrasto con la nostra volontà di aprire il 7 gennaio. Domani mattina Federfuni analizzerà i rilievi esposti nel parere è darà delle risposte concrete a quanto evidenziato dal Cts".

Come si potrà aprire

Ovviamente la situazione epidemiologica dovrà essere sotto controllo, quindi bisognerà essere in zona gialla, poi gli impianti chiusi come cabinovie e funivie saranno equiparate a mezzi pubblici e, essendo definite come zone a "rischio alto di contagio" dovranno funzionare al 50% della capacità. Seggiovie e skilift potranno invece girare a pieno regime con alcuni distinguo, come per esempio l'obbligo della cupola alzata, ove presente. In tutti i casi sarà obbligatorio indossare la mascherina.

Sci a numero chiuso

Il vero punto su cui i comprensori dovranno organizzarsi è quello di stabilire un numero chiuso, quindi un tetto di skipass vendibili. E questo può essere un problema di difficile gestione, soprattutto in comprensori vasti e collegati tra loro, quindi con scarsa possibilità di controllare i flussi effettivi di traffico. Allo stesso modo dovranno essere implementati metodi per gestire le file e l'acquisto degli skipass.

SEGUI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU TELEGRAM

di Redazione DoveSciare.it
26 Dicembre 2020

Articoli promozionali

3 Cime/3 Zinnen Dolomiti in inverno - Emozioni indimenticabili

Cinque montagne collegate, ognuna con il proprio carattere unico. I nostri impia... CONTINUA
Nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta, è innovazione skipass

La pandemia ha segnato il turismo ma non ha fermato la Skiarea Campiglio Dolomit... CONTINUA
SI TORNA IN PISTA A SAN MARTINO

Ad un solo grado di separazione dal Paradiso! La skiarea San Martino – Passo R... CONTINUA
Alpe Cimbra, è tutto pronto per una lunga stagione di sci

Tutto è pronto sulla Skiarea Alpe Cimbra in Trentino per una lunga stagione di ... CONTINUA
Skipass online con Snowit: come evitare assembramenti e code in cassa

L’ultimo anno e mezzo a causa della pandemia è stato un periodo molto diffici... CONTINUA
Helly Hansen porta la sostenibilità sulle piste da sci con la tecnologia Lifa Infinity

Il brand norvegese presenta per la prima volta una collezione di giacche e panta... CONTINUA

Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.