PLOSE - Si scia fino a Pasquetta nel comprensorio di Bressanone

27 Marzo 2024

© Fotografia - Manuel Kottersteger


Ultimi giorni di sci nel comprensorio di Plose, la località sciistica di Bressanone. Piste e impianti saranno aperti fino al giorno di Pasquetta, 1 aprile, con praticamente tutto aperto per le ultime sciate di stagione. Mancherà all'appello solo il tratto finale della pista Trametsch.

Da quest'anno la ski area è stata rinnovata con una nuova cabinovia di arroccamento dotata di stazione intermedia che ottimizza la fruibilità della ski area permettendo di sciare anche solo sul tratto più a monte della Trametsch, una delle piste tecnicamente più interessanti dell'Alto Adige.

La cabinovia Plosebahn era stata inaugurata la scorsa estate presentando varie novità come un innovativo sistema di trasporto dei cart (una delle attrattive estive del comprensorio) e delle mountain bike. L'impianto serve anche la pista da bob su rotaia Plosebob, la cui partenza e l'arrivo (si risale a bordo del bob) sono presso la stazione a monte della cabinovia, una discesa di oltre 1 chilometro adatta ad adulti e bambini che permette di provare il brivido della velocità in tutta sicurezza.

A questo si aggiungono due delle tre piste da slittino del comprensorio che sono ancora aperte e più di 10 km di itinerari per le passeggiate invernali: non c'è che l'imbarazzo della scelta per le ultime giornate sulla neve della stagione. Il tutto a pochi tornanti dalla città di Bressanone.

 

di Redazione DoveSciare.it
27 Marzo 2024

Località di cui si parla nell’articolo:

Plose - Bressanone

Articoli promozionali

Inverno in montagna, primavera in valle col "Gallo Rosso"

La primavera ha il fascino dei contrasti in Alto Adige. Mentre c'è ancora neve ... CONTINUA
27 APRILE - Festa di primavera per la chiusura del Corvatsch

Sabato 27 aprile 2024 appuntamento sulle piste di Corvatsch con la 6° Festa di ... CONTINUA
Pontedilegno-Tonale, a Pasqua musica e tanta neve!

Neve in abbondanza e grandi eventi in musica: un binomio perfetto per la seconda... CONTINUA

Commenti sull'articolo