Sci e Covid


Il Covid-19 ha cambiato parte delle nostre abitudini e modificherà anche il modo in cui andremo a sciare il prossimo inverno. Di sicuro dovremo applicare tutte le norme di distanziamento e sicurezza che abbiamo imparato a utilizzare in questi mesi. Lo sci si svolge all’aria aperta quindi il distanziamento sociale, necessario per prevenire la diffusione del Coronavirus, non è difficile da applicare durante l’azione, mentre diversa è la situazione sugli impianti di risalita, in particolare su quelli chiusi. Le norme che verranno applicate nelle prossime settimane dovrebbero comunque essere assimilabili a quelle adottate sui mezzi pubblici. In più quando si scia si è coperti, si indossano i guanti e praticamente tutte le parti del corpo sono riparate, l’aggiunta della mascherina che ormai siamo soliti utilizzare non sarà un problema.

La sfida per le ski area ai tempi del Coronavirus è poi quella di minimizzare le code agli impianti che potrebbero crearsi soprattutto se si dovrà ridurre la capienza dei singoli veicoli, preoccupano in particolare le funivie e le cabinovie mentre sulle seggiovie la situazione sarà verosimilmente più facilmente gestibile visto che si tratta di impianti aperti. Sarà gestita poi in maniera logisticamente efficiente e garantendo il distanziamento l’accesso e il deflusso dagli impianti, con percorsi studiati per l’entrata e l’uscita dalle stazioni. Problematico potrà poi essere l’accesso ai rifugi, possibile che sarà richiesta la prenotazione dei posti ai sedere all’interno dei locali e, intemperie permettendo, verranno utilizzate maggiormente le terrazze. Per contenere la pandemia di Covid-19 non ci saranno gli apres ski e i grandi eventi mentre potranno probabilmente essere organizzati piccoli appuntamenti che possano essere gestiti in maniera efficace. Le prime gare di sci della Coppa del mondo 2020/2021 sono state a porte chiuse e verosimilmente si deciderà di rinunciare al pubblico anche per le gare nel cuore della stagione.

A febbraio, tuttavia, Cortina d’Ampezzo ospiterà i Mondiali di sci e dal 19 ottobre è possibile acquistare i biglietti. Va sottolineato infine che la stagione dello sci estivo si è svolta senza alcun problema e che le ski area aperte al pubblico in ottobre (Val Senales e Passo dello Stelvio) stanno funzionando regolarmente senza particolari problemi legati al Covid anche se, va da sé, non si tratta certo di afflussi paragonabili a quelli che si hanno nei periodi di alta stagione.

16 Ottobre 2020

SCI E COVID - Il Pool Sci Italia: la stagione può e deve aprirsi

"La stagione invernale può e deve aprirsi con entusiasmo". Il Pool Sci Italia, a nome delle 25 aziende di sci, scarponi e accessori che rappresenta, si unisce a quanto espresso nelle scorse ore dal pr...
Continua
15 Ottobre 2020

SOELDEN - Azzurri tutti negativi, via libera per i primi giganti

Si avvicinano le prima gare della Coppa del mondo di sci 2020/2021. Gli azzurri convocati e i membri dello staff tecnico si sono sottoposti al tampone per il Covid e sono risultati tutti negativi. Via...
Continua
14 Ottobre 2020

SCI E COVID - Roda: "Basta assurdità la stagione sciistica ci sarà"

Bisognerà prendere le giuste preoccupazioni, ma la stagione sciistica ci sarà. Lo ha spiegato Flavio Roda, presidente della Fisi (Federazione Italiana Sport Invernali). "Noto che sui media si met...
Continua
13 Ottobre 2020

Demaclenko: i "cannoni" diventano sanificatori per le cabinovie

Avevamo già visto in pieno lockdown i generatori da neve, i cosiddetti "cannoni", montati su camion per sanificare le strade. Ora Demaclenko ha applicato questo "sistema mobile di disinfezione" per sa...
Continua